La Nostra Storia

Il nostro albergo a Segni è un albergo 3 stelle superiore dal cuore antico.

Dove oggi sorge il nostro hotel, fino agli inizi del '900 vi era un grande castagneto chiamato, per le sue eccellenti qualità, “Jo Beglio" (Il Bello) e appartenuto al Marchesato dei Tani di Ferentino, una delle famiglie dell'antica nobiltà pontificia.

In un bosco di castagni secolari, non lontano dal centro abitato di Segni, nell'estate del 1945, a guerra appena conclusa, il Cav. Giuseppe Lorenzi apre insieme alla moglie Angela Felici e ai figli (Anna, Carlo, Bruno, e Maria Pia) una fraschetta: la tipica osteria della campagna romana, sprovvista di cucina, ove si usava offrire vino (di propria produzione) e pochi semplici cibi, apponendo una frasca ben carica di foglie sopra l'ingresso del locale per indicare agli avventori che il nuovo vino era pronto.

La fraschetta, sorta al pian terreno dell'ampio caseggiato della famiglia Lorenzi, offre soprattutto panini e qualche supplì ed è subito apprezzata e amabilmente frequentata sia dai molti lavoranti delle vicine cave di calcare (eredi di un'antica tradizione locale) sia da tanti cittadini desiderosi di bere un bicchiere di vino o una gassosa in compagnia e di scacciare anche in questo modo l'angoscia della guerra da poco conclusa. È per questo, d'altronde, che Peppino Lorenzi ha scelto un nome così evocativo.

Ma la famiglia Lorenzi è anche pronta ad accogliere e interpretare i grandi mutamenti che in questo territorio (come nel resto del Paese) si vanno preparando: nel corso degli anni a venire i servizi si amplieranno e si differenzieranno insieme alla mission dell'impresa.

Già nel 1946 la casa di famiglia si apre all'attività alberghiera; s'inaugura infatti una locanda, composta da otto camere con servizi condivisi, un locale cucina e una piccola sala da pranzo, che quattro anni dopo verrà ampliata.

Nel 1958, a pochi metri dal corpo centrale, si realizza invece una dependance con 35 camere ed annesso salone, successivamente ristrutturata ed integrata con nuovi servizi. Nello stesso anno La Pace, vincendo un'agguerrita concorrenza, ospita i corsi di formazione (per cuochi e camerieri) della prestigiosa scuola Enalc di Castel Fusano; nel 1960 l'albergo si amplia ulteriormente con l'acquisizione di un villino contermine.

Intanto la cittadina di Segni e il suo straordinario complesso monumentale hanno ripreso ad attirare studiosi, escursionisti e turisti: tutti accolti dal nuovo “Hotel Ristorante La Pace". Soprattutto hanno scoperto questo discreto accogliente locale (eleggendolo per decenni a propria favorita dimora) centinaia di manager, tecnici, operai e rappresentanti di commercio che nella vicina Colleferro e in tutta la valle del Sacco partecipano alla grande avventura industriale della Bpd e di tutte le altre aziende chimiche, cementiere, trasportistiche, aerospaziali. E poi è arrivata anche la stagione dei ritiri sportivi, dei convegni sindacali, dei meeting aziendali, dei veglioni, dei premi letterari e non solo.

Nel 1975 l'hotel subisce l'intervento più significativo di ristrutturazione ed ampliamento: si realizza un nuovo salone e l'allargamento della parte ricettiva con altre 38 camere dotate di servizi; nel 1980 nasce la terrazza buffet e si innovano i servizi.

Intanto nel 1970, i figli di Giuseppe Lorenzi ed Angela Felici, i fondatori, hanno delineato il primo moderno assetto societario: le sorelle Anna e Maria Pia Lorenzi (anche se la seconda continuerà per molti anni ancora a supportare la cucina) hanno lasciato l'impresa di famiglia; Carlo e Bruno Lorenzi, invece, con le rispettive mogli, hanno costituito la società “Albergo La Pace s.r.l.".

Nel 1982, infine, Carlo Lorenzi prende da solo le redini dell'albergo di famiglia ed insieme alla moglie, Anna Calabresi, che tuttora occupa la tolda del comando in cucina, ed ai figli realizza progressivamente quello che poi diventerà l'attuale modello societario e gestionale dell'hotel: Vittorio e Paola alla direzione della reception e delle sale, Alessandra e Giusy alla cura e all'innovazione dell'offerta gastronomica.

Gli ulteriori ampliamenti e ristrutturazioni del 1995 e del 1998, ed infine l'importante opera di riqualificazione realizzata tra l'autunno del 2009 e l'estate del 2010 hanno fornito una nuova più efficace funzionalità degli spazi comuni e soprattutto un'immagine architettonica adeguata ed unitaria all'albergo-ristorante.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.. Informazioni.